Gli algoritmi di Intelligenza Artificiale stanno già trasformando la realtà che conosciamo in molteplici ambiti: dalla finanza alle assicurazioni, dall’IoT al customer care, fino ad arrivare alla Sanità. Scopriamo insieme in cosa consiste l’applicazione dell’IA nel mondo sanitario e proviamo a prevedere i cambiamenti alle porte

intelligenza_artificiale

Invecchiamento della popolazione, riduzione del personale medico, disparità di accesso all’assistenza sanitaria, aumento delle spese mediche: queste sono solo alcune delle criticità che il settore sanitario si trova ad affrontare ogni giorno, e che stanno causando un peggioramento della qualità di erogazione dei servizi di assistenza e delle condizioni di lavoro del personale medico sanitario.

Una possibile risposta ad alcune di queste problematiche può arrivare proprio dall’Intelligenza Artificiale e, in questo, l’Europa sembra crederci fermamente: soltanto nel 2020 è previsto un piano di finanziamenti europeo destinato alla ricerca in ambito IA da 20 miliardi di dollari.

Brevemente, l’IA consiste nella creazione di modelli di comportamento intelligenti, in grado di autoapprendere e perfezionarsi nel tempo, sui quali un computer basa azioni automatizzate che richiedono un minimo intervento umano.

IA PER IL SETTORE SANITARIO: TRA FISICO E VIRTUALE

Questa “automazione intelligente” permette di analizzare i dati e prendere decisioni molto velocemente, il che si rivela determinante in ambito medico soprattutto in situazioni di emergenza e urgenza.

Questo è soltanto un esempio di come l’IA può rivelarsi determinante in ambito sanitario: la sanità oggi ha bisogno di nuovi approcci e tecnologie in grado di supportare il personale medico nei processi di cura e assistenza ai pazienti.

L’Intelligenza Artificiale in medicina si suddivide in due aree di applicazione fondamentali: virtuale e fisica. Nel primo caso, stiamo parlando di un approccio informatico che utilizza algoritmi di IA nella gestione delle informazioni e di alcuni sistemi di gestione della salute.

L’applicazione virutale dell’IA in medicina può contribuire a riconoscere in modo più accurato i problemi di salute e a fornire un intervento individuale, concepito su misura per le esigenze del singolo paziente. Ciò si traduce in un supporto importante per alcuni dei rami più delicati della medicina moderna:

  • Radiologia e anatomia patologica
  • Psicologia, psichiatria
  • Oncologia
  • Cardiologia

L’area di applicazione fisica, invece, comprende l’utilizzo di robot, impiegati per fornire assistenza direttamente ai pazienti oppure per effettuare interventi chirurgici (come il sistema di chirurgia robotica Da Vinci).

Come intervengono gli algoritmi intelligenti a tutela della salute?

Scarica il white paper

IA E PERSONALE SANITARIO

L’applicazione dell’Intelligenza Artificiale può innescare una vera e propria rivoluzione nella gestione dei processi di prevenzione, diagnosi e cura: l’automatizzazione dei processi consente di strutturare le conoscenze mediche e di ridurre i costi aumentando l’efficacia del monitoraggio e delle terapie dedicate ai pazienti.

Tuttavia, il contributo del fattore umano rimane insostituibile.

L’AI introduce un modello terapeutico a tre attori: il personale medico (1) gestisce gli strumenti potenziati da IA (2), per aiutare il paziente (3). Questo è ciò che accade: medici e AI devono necessariamente interagire perchè i processi di cura siano efficaci. Empatia, relazioni interpersonali, sostegno psicologico fra persone: l’IA non può replicare questi meccanismi propri dell’essere umano. Ecco perchè è fondamentale trovare il giusto equilibrio per fare in modo che l’Intelligenza Artificiale aiuti davvero le strutture sanitarie ad occuparsi dei propri pazienti nel miglior modo possibile.

LE SOLUZIONI DI IA COMARCH: COME POTENZIARE I SISTEMI NELLE STRUTTURE SANITARIE

Comarch, multinazionale IT con più di 25 anni di esperienza, progetta e implementa prodotti IT potenziati da Intelligenza Artificiale. In ambito sanitario, questo si traduce in prodotti che supportano la digitalizzazione e l’ottimizzazione dei processi di anamnesi, archiviazione, somministrazione di questionari e molto altro ancora.

Vuoi saperne di più? Scarica il whitepaper dedicato!