Sunell Italia annuncia l’installazione delle prime telecamere termiche di ultima generazione Body Temp SN-T5 negli aeroporti italiani per contrastare l’epidemia

Sunell_SN-T5_JPG_telecamera termica

Sunell Italia annuncia l’installazione delle prime telecamere termiche di ultima generazione Body Temp SN-T5 negli aeroporti italiani per contrastare il contagio da coronavirus. Questa tecnologia è infatti l’unica in grado di garantire un’effettiva verifica della corretta temperatura corporea e la sicurezza del rilevamento e garantisce il riconoscimento automatico della persona ammalata, senza il rischio dell’intervento decisionale umano.

La soluzione non opera sulla singola persona, ma rileva la temperatura su gruppi fino a 16 persone contemporaneamente evitando la formazione di code e imbuti. Gli individui segnalati vengono identificati sull’ ipad dell’operatore con un colore.

La prima installazione aeroportuale è stata ultimata in questi giorni a Roma Fiumicino. Seguiranno Venezia, Firenze, Pisa, Bologna, Catania, Palermo, Verona, Trieste, Treviso, Brescia, Lamezia Terme, Napoli e altri aeroporti.

Massimo Pagani

Dichiara il direttore commerciale Massimo Pagani: “Abbiamo richieste anche fuori dall’ambito aeroportuale, da strutture e grandi aziende private e pubbliche, specialmente dopo i recentissimi casi di contagio in Lombardia, Veneto, Piemonte etc.
Body Temp SN-T5 è stata progettata proprio per il rilevamento della temperatura corporea mentre gli altri apparecchi sul mercato sono nati con funzione antincendio e poi adattati, quindi presentano funzionalità non idonee allo scopo della rilevazione della febbre e della sicurezza del dato.”

Dott. Paolo Cardillo

“La Body Temp SN-T5, detta Panda, è stata realizzata da Sunell in seguito alla Sars – spiega il General Manager Dott. Paolo Cardillo -. Questo perché Sunell non progetta nuovi prodotti solo per profitto, ma pensando anche all’utilità sociale, al benessere e all’etica. Attualmente, la Body Temp SN-T5 è già in uso nel Far East, in Russia e in India, in scuole e centri pubblici’”.