La piattaforma HealthShare di InterSystems unifica i dati e le informazioni e gestire la cartella sociale

Una popolazione anziana, sempre spesso più numerosa, sola e a crescente dimensione di vulnerabilità: lo scenario di riferimento dei prossimi 25 anni in Italia ma non solo vede una necessità spinta di mettere in atto azioni concrete che consentano di avere un sistema di welfare sostenibile.

Prevedere, simulare, realizzare scenari di riferimenti basati sui dati e allo stesso tempo integrare i dati e le informazioni già disponibili in una cartella sociale che contenga la storia e la situazione sociale di ciascuna persona sono un’esigenza improcrastinabile per poter consentire a pubblico e privato di offrire soluzioni efficaci e di qualità.

Partendo dalle principali statistiche relative alla condizione sociale di persone anziane aventi fragilità né troppo bassa né troppo alta, l’obiettivo è, attraverso un sistema di simulazione, di organizzare una base dati per ottenere informazioni utili alla definizione di soluzioni alla sfida sopra descritta.

InterSystems Italia propone l’evoluzione del Dossier Socio-Sanitario, grazie all’uso di HealthShare, la piattaforma di interoperabilità e condivisione dati per la salute. L’obiettivo è quello di integrare i dati chiave provenienti da diverse fonti, fornendo allo stesso tempo strumenti di condivisione operativa e analisi di fattori di rischio e scenari evolutivi per l’erogazione di servizi adeguati in favore dell’assistito.

Il prototipo è in dimostrazione il 24 e il 25 Ottobre a Bologna nel cortile d’onore di Palazzo d’Accursio in occasione dell’After Festival 2019 (24-27 Ottobre).

“La piattaforma integra dati provenienti da tutti i sistemi e che riportano informazioni disomogenee tra loro, le mette in comunicazione e, in ultima istanza, le rende disponibili per valutazioni più ampie su eventuali azioni di miglioramento. – spiega Marco Bechini, Business Development di InterSystems ItaliaIl suo valore aggiunto è la possibilità di identificare in automatico gli assistiti suddividendoli in gruppi di rischio, con criteri definibili dai team di cura. Operatori e responsabili dei gruppi di assistiti possono ricevere aggiornamenti e notifiche in tempo reale”.

In concreto, la soluzione realizzata da InterSystems permette di dotare la rete di assistenza di una cartella panoramica dell’assistito che scambia dati, programmi sociali e piani d’azione tra i fornitori di servizi, le istituzioni, il Comune ma anche il paziente stesso e la sua famiglia. Tutti i dati raccolti e condivisi alimentano cruscotti e metriche che rendono possibile il monitoraggio della popolazione di pazienti. In questo modo è possibile prendere decisioni più precise su dati aggiornati e d’insieme, così come formulare scenari evolutivi da mettere in atto in vista di un perfezionamento della situazione attuale.